Tina’s philosophy – strisce al vetriolo per cuori resistenti – I 50 euro – Ep. 1×1

Ho scelto questo giorno, l’8 marzo, festa della donna, per parlare di due generazioni femminili a confronto. Una zia, cinica e disincantata; una nipote, osservatrice e osservante dei codici comuni… ma che investiga perché non è convinta, perché l’evidenza dei fatti è un’altra… con il suo “zia ma non avevi detto che…”, che cade sonoramente nel vuoto…

Nuova serie web, 1a puntata. I 50 euro.

Buon divertimento!

#Pole #position – #show #comico

Pole position, lo spettacolo che fa per te, monologhi e sketch comici, tra Toyboy, standup e offerte davvero speciali.
Al The Boss (piazzale Giovanni de Agostini, 8, Milano – zona via Washington). Con Tina Venturi, Dado Tedeschi e Claudio Cirasola. Organizzazione: Michela Rebaudo. ingresso 10 euro con consumazione. È gradita la prenotazione: scrivialboss@gmail.com

Pole position con Tina Venturi, Dado Tedeschi e Claudio Cirasola.

Pole position con Tina Venturi, Dado Tedeschi e Claudio Cirasola.

#Leggi e il #titolo lo metti #tu!

FirmatoBello festeggiare le vittorie personali con chi ti apprezza!
Voglio spezzare una lancia a favore dei social:
per esperienza personale, posso affermare che uniscono, non dividono.
Ho trascorso anni a studiare, davanti al computer e sui libri.
Nelle pause del mio instancabile lavoro, scrivere, condividere foto, commentare,
leggere commenti, mi ha fatto tanta, tanta compagnia.
Amicizie virtuali che mi hanno sostenuto, sempre presenti, sempre molto discrete.
E scoprire chi, come me, difficilmente esce il sabato sera,
chi, come me, fa le tre del mattino, a scrivere e studiare
e commuoversi o ridere fino a star male davanti a un film.
Festeggio il mio nuovo contratto editoriale,
dopo anni di “assenza volontaria”.
Mi auguro il primo di tanti…

Credi il #meglio

Calcola i rischi del salto e i vantaggi dell'essere in nuova terra

Calcola i rischi del salto e i vantaggi dell’essere in nuova terra

«Qualsiasi cosa tu stia affrontando o qualsiasi cosa stia accadendo attorno a te, devi credere il meglio per il futuro.»

(da Vivi Ama Guida di Brian #Houston).
#hillsong #eternity

Ci giungono informazioni incoraggianti sulla ripresa economica. L’anno 2017 sembra iniziare nel segno della speranza. Voglio agganciarmi e rimanere su questa scia e credere che i lavori che si stanno profilando potranno essere proficui per tutti noi. Ringrazio per tutte le collaborazioni che si stanno creando e che ci auspichiamo possano procedere prosperando e moltiplicando l’opera delle nostre mani. Voglio credere che ci saranno momenti di riposo e di stacco, ma mai di stallo.

Pavel Sheremet sarà forse morto invano?

Pavel Sheremet

Pavel Sheremet


Un giornalista russo che è stato messo in prigione a soli ventisei anni con l’accusa di ricevere denaro dai servizi segreti stranieri. Condannato a 2 anni di carcere, fu rimesso poco dopo in libertà a seguito delle pressioni russe.
In questi anni ha continuato a raccontare ingiustizie e soprusi delle sue terre. Oggi, a quarantaquattro anni, è stato zittito per sempre. Ma le sue parole di denuncia riecheggiano e rimandano ad altro…

L’articolo dell’Huffington Post

Come non pensare a tutti gli insegnanti e i giornalisti arrestati in Turchia?
(Senza nulla togliere alle altre persone; perché di persone, innanzitutto, si tratta).
E come non ricordare che anche in Cambogia (negli anni ’70) l’intellighenzia, gli insegnanti e i giornalisti furono tra i primi a essere rinchiusi, eliminati, torturati, perseguitati?

La libertà di pensiero e di opinione fa sentire minacciato ogni tipo di regime, da quello delimitato da piccoli confini, come tra le mura domestiche, a quello sconfinato delle nazioni, fervente dibattito geopolitico.

Da #Tarzan a George Washington Williams, passando per Alice Seeley Harris

Come un film d’intrattenimento può spingere a investigare e riflettere.

La campagna per i diritti umani 1890-1904.

George Washington Williams

George Washington Williams

«La campagna per i diritti del popolo congolese aveva preso avvio dalla lettera aperta che George Washington Williams, pastore protestante, storico e avvocato afroamericano, indirizzò a re Leopoldo II il 18 luglio 1890 in cui denunciava le uccisioni, le torture, il lavoro forzato e il commercio di schiavi che insanguinavano e spopolavano il Congo. In quel breve scritto Williams anticipava tutti i temi principali che saranno al centro della campagna umanitaria che si avviò dieci anni più tardi». (Bruna Bianchi)

Alice Seeley Harris

Alice Seeley Harris

Leggi chi era Alice Seeley Harris e che impatto hanno avuto le sue foto

In english